Gubbio – ciclo di incontri per famiglie e coppie di fidanzati – convegno Caritas sulle povertà

Nuovo ciclo di incontri per famiglie e coppie di fidanzati della diocesi eugubina. Dopo la positiva esperienza a cavallo tra 2018 e 2019, il vescovo Luciano e l’Ufficio diocesano per la pastorale familiare tornano a proporre un cammino per invitare le coppie a essere strumento di rinnovamento missionario della Chiesa locale.
Fin dal suo arrivo nella comunità eugubina, mons. Paolucci Bedini ha sempre considerato la famiglia come uno degli snodi più importanti per il rilancio dell’azione pastorale diocesana.
«L’esperienza e il vissuto delle famiglie cristiane – spiega il Vescovo – richiedono oggi una grande premura: diventa sempre più urgente creare occasioni di incontro e di reciproco sostegno tra le famiglie delle nostre comunità».
Ecco allora che da domenica 17 novembre inizia un nuovo percorso diocesano di formazione per sposi e fidanzati. Sarà il Centro di vita associata di Mocaiana a ospitare l’incontro sul tema “Vita di coppia: l’affettività come dono”, dalle ore 16 alle 18,30. Al Cva di via Fiume Esino sarà disponibile anche un servizio di animazione per bambini, per consentire ai genitori di partecipare liberamente all’appuntamento.
Il ciclo 2019-2020 sarà caratterizzato da tre incontri diocesani, per introdurre i temi oggetto di riflessione e di dialogo, e da altri tre momenti nelle parrocchie e nelle zone pastorali.

Un “convegno-laboratorio” per mettere insieme intorno a un tavolo responsabili e operatori dei servizi sociali territoriali, realtà associative che si occupano di accoglienza, operatori Caritas delle parrocchie e delle zone pastorali diocesane.
In occasione della terza Giornata mondiale dei poveri, indetta da papa Francesco, l’ufficio Caritas della diocesi di Gubbio ha organizzato un convegno dal titolo “Chi ascolta, chi ascolta?”. L’incontro si terrà sabato 16 novembre, alle ore 9,30, nella sede dell’Aratorio Familiare in località Coppiolo, alla periferia di Gubbio.
L’idea è quella di riflettere sullo stato di salute dell’ascolto nel territorio eugubino con l’intenzione di riunire tutte quelle persone che direttamente, per professione o per fede, hanno l’opportunità di incontrare i poveri. Coloro che, per dirla con le parole di papa Francesco, hanno “l’odore delle pecore”.
«Il nostro – spiega Giuseppe Carbone della Caritas diocesana di Gubbio – non vuol essere un convegno nel senso tradizionale del termine, ma un laboratorio aperto, dove ogni invitato possa esprimere liberamente il suo punto di vista e la sua esperienza sul campo».
In particolare, si cercherà di capire che tipo di povertà ognuna delle realtà è chiamata ad ascoltare, come sono configurati i luoghi di ascolto, in che modo sono cambiate nel tempo le richieste di aiuto, come e con chi ampliare le reti di risposta ai bisogni, quali interazioni si sviluppano con l’amministrazione pubblica o con i mezzi di comunicazione.

Foligno – catechesi di Avvento e scuola della Pace della Caritas diocesana

Venerdì 22 novembre alle ore 21 presso la Pro-Cattedrale di Sant’Agostino (p.zza Garibaldi – Foligno) catechesi in preparazione al tempo liturgico dell’Avvento a cura del Vescovo Mons. Gualtiero Sigismondi.
Info: www.diocesidifoligno.it

Sabato 16 novembre dalle ore 10 alle ore 17 presso la sede Arca del Mediterraneo in via San Giovanni dell’acqua (Foligno), avrà inizio il primo appuntamento della Scuola di Pace promosso dalla Caritas della Diocesi di Foligno. Il titolo del primo incontro sarà “La pace cammina con i diritti umani”, un focus sul concetto dei diritti e su un percorso di dialogo per condividere. Formatore Oliviero Bettinelli di Caritas Roma- Resp. area pace e mondialità.
La Scuola di Pale vuole essere prima di tutto un’esperienza di incontro con esperienze e progetti del nostro territorio che hanno la pace come protagonista e le persone come soggetti attori capaci di ragionare e di orientare il loro lavoro.
Il pranzo sarà gentilmente offerto dall’Arca del Mediterraneo.
E’ gradita conferma al 392 7648096 – Sito: www.caritasfoligno.it

Istituto Teologico di Assisi – Inaugurazione dell’anno accademico 2019-2020

Solenne inaugurazione dell’Anno Accademico 2019-2020 dell’Istituto Teologico di Assisi e dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Assisi.
Venerdì 15 novembre 2019 alle ore 9.00 Santa Messa nella Chiesa Inferiore della Basilica Papale di San Francesco d’Assisi – Presiede Mons. Renato Boccardo, Moderatore ITA – ISSRA, concelebra il corpo docente.
Alle ore 10.30 nella Sala Papale del Sacro Convento di Assisi, prolusione del Prof. Luigino Bruni, economista, direttore scientifico del progetto Economy of Francesco: “Il Cantico dell’Economia: Francesco, ricchezza e povertà”.

«È nuova la circostanza che la prolusione – spiegano i promotori dell’evento –, anziché tematizzare un assunto teologico già acquisito o ricercare una convenzionale lectio magistralis, si presenti in una forma così singolare sbilanciandosi in avanti per parlare di un progetto ancora in via di realizzazione, che in un certo senso sta tutto davanti ed appartiene più al futuro che al presente. In questo slittamento in avanti che la scelta sostanzia si colgono i segni di uno atteggiamento per così dire “profetico” che in qualche modo esprime la vocazione che i due Istituti accademici di Assisi portano nel proprio seno e stanno sempre più chiaramente definendo: si tratta della vocazione ad essere un cuore pulsante per la cultura teologica in Umbria e a diventare sempre più evidentemente ed energicamente una fucina di pensiero e luogo di proposizione di progetti molto qualificanti per la vita della Chiesa regionale. Anche in questo frangente – con la sensibilità tanto cara a papa Francesco, ma anche prossima al carisma del Santo che la città venera – i centri accademici della città serafica, anziché stare nel solco dell’abituale, non esitano a fuoriuscire, a farsi porta bandiera, ad abitare la frontiera e a cogliere coraggiosamente la sfida così importante che oggi l’economia rappresenta per la realizzazione di un nuovo umanesimo. È importante che si cominci a discutere di questo tema cruciale. È importante soprattutto che si creino occasioni in cui far risuonare la voce del Vangelo per penetrare in modo vivo e concreto la realtà e toccare dal di dentro quell’umano che la Chiesa, senza arroganza, ma con spirito di servizio e in umiltà, è in dovere di servire in forza del mandato ricevuto da Gesù Salvatore».

«L’occasione – concludono i promotori – è utile per stimolare l’interesse e l’invito – che si estende volentieri a tutti gli interessati che vorranno partecipare – diventa l’occasione per avviare un cantiere dentro il quale la riflessione può cominciare a prendere forma e ad essere progressivamente alimentata».

Al termine della prolusione il preside dell’ITA, padre Giulio Michelini (Ofm), consegnerà allo studente che nel precedente Anno Accademico ha terminato il biennio filosofico con la media dei voti migliore, il premio del “Titolo al Merito Giampiero Morettini”, istituito dall’Istituto in memoria del giovane seminarista perugino morto cinque anni fa la cui memoria continua ad essere molto viva nella comunità ecclesiale umbra.

Presentazione del Rapporto sulle povertà delle otto Caritas in Umbria. 4599 persone accolte nei Centri di ascolto delle Caritas diocesane umbre nel 2018, ma è crisi di volontari e di educazione alla carità come hanno sottolineato i vescovi Renato Boccardo e Benedetto Tuzia

E’ stato presentato a Perugia, l’11 novembre, il Primo Rapporto sulle povertà redatto dalle otto Caritas diocesane dell’Umbria. Sono intervenuti il presidente della Conferenza episcopale umbra e arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo, il delegato Ceu per il Servizio alla Carità e vescovo di Orvieto-Todi mons. Benedetto Tuzia, il delegato regionale della Caritas Umbria e direttore della Caritas diocesana di Orvieto-Todi prof. Marcello Rinaldi, Velia Sartoretti volontaria, Caritas che ha raccolto ed elaborato i dati.

Nel saluto iniziale l’arcivescovo Boccardo ha sottolineato come nelle Caritas umbre ci sia una povertà di generosità, ossia sta calando notevolmente il numero dei volontari e sta mutando lo stile del servizio della carità: «Non vorrei – ha detto – che il virus mortifero del prima noi e poi gli altri, del prima gli italiani, abbia intaccato anche le comunità cristiane che, dimenticando la dimensione costitutiva della carità in tutte le sue manifestazioni, diventano sterili e insignificanti. Come discepoli di Gesù, non possiamo trascurare la sua esortazione: “Quello che avete fatto al più piccolo dei fratelli, lo avete fatto a me”. E’ una sfida che ci attende, non piangerci addosso: non possiamo chiudere il nostro cuore alle ferite dell’uomo».

Dello stesso tenore l’intervento del vescovo di Orvieto-Todi mons. Tuzia, che ha sottolineato come la comunità cristiana faccia fatica a calarsi nella realtà concreta dove la gente vive. «Come Caritas, spesso, diamo priorità alle opere, non siamo in grado di guardare in alto, facciamo fatica a dare speranza al nostro prossimo – ha detto –. Forse è giunto il momento di avere uno sguardo veritiero e intelligente sulla società, come emerso anche dalla recente Assemblea ecclesiale regionale, per pensare a delle forme nuove di educazione alla carità. Così riusciremo, poi, a realizzare anche delle opere significative per la cura dei poveri».

Alla presentazione sono intervenuti i direttori delle otto Caritas dell’Umbria che, al termine, si sono recati presso la mensa Caritas “San Lorenzo” di Perugia per condividere il pranzo con i fruitori di questa opera segno della Chiesa perugina, e tenuto la loro mensile riunione della Delegazione. Si è deciso di promuovere annualmente un incontro su temi sociali di attualità nell’imminenza della Giornata mondiale dei poveri voluta da papa Francesco, invitando a questo incontro anche gli operatori dei media. Ospiti e volontari della Mensa “San Lorenzo” hanno ben accolto questo momento di fraternità, ha commentato l’assistente sociale Stella Cerasa, responsabile di questa struttura di accoglienza, «perché la povertà la vivono ogni giorno anche se non amano essere definiti poveri. Sono stati molto colpiti – ha proseguito la responsabile – dell’interesse che ha avuto per tutti loro, nel colloquiare nel corso del pranzo, il vescovo Tuzia, che ha apprezzato molto l’operato dei volontari della Mensa che condividono, ogni giorno, la vita delle persone accolte».

Il rapporto in formato multimediale e non cartaceo, è una story map che garantisce l’accesso alle informazioni sulle povertà in Umbria da numerosi dispositivi elettronici, è disponibile su web:
www.caritasinumbria.it/poverta2019

Nel 2018, in Umbria, la quota di famiglie in povertà relativa è pari al 14,3%, in crescita rispetto al 12,6% dell’anno precedente. In termini assoluti il fenomeno interessa oltre 50 mila famiglie (dato Istat).
Rispetto alle famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà l’Umbria si colloca leggermente sopra la media nazionale dell’11,8%.
Nel 2018 i Centri di ascolto delle 8 Caritas diocesani hanno censito 4.599 beneficiari. Di cui: 2141 maschi e 2456 femmine. Ancora: 2101 erano disoccupati, 563 occupati, 270 casalinghe, 250 pensionati. Ancora: 283 senza fissa dimora, 2630 con figli, 45 con figli disabili. Provenienza beneficiari: 1540 da Italia; 1368 da Africa; 890 da Europa; 329 da America; 112 da Asia.

Beneficiari per singole Diocesi (2018)
Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino: 711
Città di Castello: 262
Foligno: 360
Gubbio: 398
Orvieto-Todi: 421
Perugia-Città della Pieve: 1488
Spoleto-Norcia: 219
Terni-Narni-Amelia: 740

Tra i molteplici interventi realizzati da Caritas, si segnala l’espansione delle attività di ascolto e dei servizi di alloggio, attraverso varie strutture di accoglienza. Si espande fortemente anche la consulenza professionale (soprattutto di tipo medico, ed anche legale). Quanto all’offerta di beni e servizi materiali, essa si concreta in misura crescente attraverso l’attività degli Empori solidali, accresciuti di numero, con un forte aumento del numero di assistiti, dei volontari impiegati (alcune centinaia), e del valore economico dell’impatto sociale stimato (centinaia di migliaia di euro). Inoltre, negli Empori non solo si distribuiscono generi alimentari, ma si costruiscono relazioni e senso di appartenenza alla comunità, e possono compiersi percorsi formativi e culturali.

Perugia, solennità di Sant’Ercolano 2019, il cardinale Gualtiero Bassetti: «Imitiamo i nostri grandi giganti di santità, come Ercolano, testimoniando fino in fondo la nostra fede»

«Davanti a grandi giganti della santità vissuti nei primi secoli del cristianesimo, come il vescovo e martire Ercolano, noi cristiani ci sentiamo dei nani, ma cosa questi Santi avevano di diverso da noi? Avevano lo stesso Vangelo, lo stesso Gesù Cristo, ma a questo Vangelo e a Cristo hanno creduto e l’hanno testimoniato fino in fondo. Sant’Ercolano, defensor civitatis, ci protegga e ci aiuti a imitare i suoi esempi». Con queste parole il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti ha introdotto la celebrazione eucaristica della solennità di sant’Ercolano, patrono della città e dell’Università degli Studi di Perugia, di domenica 10 novembre nella splendida chiesa trecentesca a forma ottagonale intitolata a questo santo martirizzato dai Goti di Totila il 7 novembre dell’anno 547, come narrano i più antichi martirologi.

Le Istituzioni presenti e l’accensione del cero votivo.
Il cardinale Bassetti ha presieduto la celebrazione insieme a don Francesco Benussi, rettore della chiesa di Sant’Ercolano e a don Mauro Pesce, canonico della cattedrale di San Lorenzo, rivolgendo il suo saluto alle autorità civili presenti, in particolare al sindaco Andrea Romizi, che al termine della liturgia ha acceso il cero votivo dell’Amministrazione comunale posto accanto al reliquiario del Santo patrono, ai rappresentanti del Sodalizio di San Martino, antica benemerita istituzione laica di carità della città proprietaria della chiesa di Sant’Ercolano, ai membri degli Ordini cavallereschi di Malta e del Santo Sepolcro e dei cinque Rioni storici di Perugia.

Limiti, peccati e ritardi della Chiesa.
Nell’omelia, ripercorrendo brevemente la storia del martirio del Santo patrono, il cardinale ha definito Ercolano «padre dei poveri durante il lungo assedio dei Goti a Perugia, che difese questa nostra Chiesa con la Parola di Dio, annunciandola con forza, con coraggio e con l’esempio e ad immagine di Cristo buon pastore con il dono stesso della sua vita. Anche noi come Chiesa, rinvigorita dal suo sangue e dalla sua testimonianza, perché, come dice Tertugliano, il sangue dei martiri è il seme dei cristiani, vogliamo metterci con onestà dinanzi alla stessa Parola di Dio, volgiamo riconoscere quelli che sono i nostri limiti, i nostri peccati e i nostri ritardi. Parlo come Chiesa, essendo io il primo responsabile come suo pastore. Parlo della situazione religiosa e non solo della nostra città, ma anche dell’Umbria. Recentemente (18-19 ottobre, ndr) c’è stata un’interessante Assemblea ecclesiale regionale, a Foligno, nella quale ci siamo apertamente confrontati con quelli che sono i nostri limiti e che cosa dobbiamo fare per poter evangelizzare di più e meglio le otto comunità diocesane dell’Umbria».

Una Chiesa più luminosa nella sua vocazione e chiamata.
«Rivolgendo il discorso alla nostra Chiesa perugino-pievese – ha proseguito il cardinale –, pur ricca di fermenti, di carismi, di presenze significative, di memorie di santità antiche e recenti, tra queste ultime quella del dottor Vittorio Trancanelli che cammina velocemente verso la gloria degli altari, deve rendere più luminosa la sua vocazione, la sua chiamata. Pur essendo vivo da noi il desiderio e l’impegno di ascoltare la Parola di Dio, la nostra Chiesa non evangelizza sufficientemente se stessa, manca in parte di un cammino generalizzato di approfondimento delle verità della fede con l’allontanamento di tanti adulti, per non dire dei giovani. La nostra Chiesa dovrebbe avere quel dinamismo missionario che la fa uscire dal tempio per comunicare la buona notizia della salvezza e condividere il dono di grazia secondo il progetto di Dio. In una parola ripetuta spesso da papa Francesco, dovremmo essere molto di più una “Chiesa in uscita”, che va incontro agli uomini di oggi, che hanno tanto bisogno di essere evangelizzati».

«Pur celebrando l’Eucaristia (di messe se ne dicono tante soprattutto la domenica) e gli altri sacramenti – ha evidenziato il presule – , la nostra Chiesa dovrebbe brillare di più dinanzi al mondo come segno e strumento dell’unità in Cristo di tutto il genere umano, nella concretezza della vita quotidiana, dei rapporti fra tutti i suoi membri, invece c’è un clima che è troppo litigioso e spesso di divisione, mentre deve apparire di più come Epifania e manifestazione del Signore e del suo Spirito. Questo lo deve fare per primo il vescovo e poi i sacerdoti, ma anche tutti i battezzati perché la vocazione che abbiamo è unica. Non abbiamo vocazioni diverse, abbiamo scelte e carismi diversi nella vita, ma la vocazione fondamentale è quella della santità in cui siamo tutti chiamati a viverla e a testimoniarla».

Coraggiosi nel testimoniare la fede.
«Pur mostrandosi le nostre Chiese dell’Umbria in molte circostanze con varie iniziative – ha ricordato il cardinale – attente al grido del povero, del malato, dello straniero, del carcerato, esse hanno bisogno di quella creatività e generosità che hanno caratterizzato molti momenti della nostra storia, soprattutto abbiamo bisogno di abituarci di più a quanto domandano il Vangelo e i sacramenti che celebriamo nella fede. La nostra Chiesa deve ricevere quello stile di vita sobrio ed essenziale che oggi alimenta e sostiene la solidarietà a livello planetario. La nostra Chiesa ancora non è del tutto consapevole del suo dovere di trasmettere il messaggio universale della bellezza che sgorga da un umanesimo che porta ancora visibili le impronte della fede cristiana. Pensiamo a quello che ci hanno tramandato i nostri anziani, pur in una povertà molto più grande della nostra, pur forse anche in tempi per certi aspetti più difficili: la fede, il rispetto e la promozione di ogni uomo. Dinanzi a queste ed altre sfide c’è la forza dei nostri santi, dei nostri protettori, questi grandi testimoni che dobbiamo sempre imitare. Penso ai grandi Santi dell’Umbria, Benedetto, Francesco, Chiara… Vi auguro che voi siate dei fedeli devoti dei nostri Santi, ma non basta saperli imitare e chiedere loro delle grazie. Essi sono delle pietre miliari, dei vangeli viventi, perché chiunque di noi potrebbe dire e pensare: il Vangelo è bellissimo, ma è una utopia perché solo Gesù Cristo l’ha messo in pratica e non può essere alla nostra portata. Noi in questo ragionamento siamo smentiti dai Santi, che erano creature fragili e deboli, con il peccato originale come noi, eppure sono stati testimoni del Vangelo fino in fondo. Soprattutto noi, stamani, a sant’Ercolano vogliamo chiedere il coraggio di questa testimonianza di fede».

Il Primo Rapporto sulle povertà redatto dalle otto Caritas diocesane dell’Umbria. Presentazione in conferenza stampa, a Perugia, lunedì 11 novembre

In vista della III Giornata Mondiale dei Poveri indetta dal Papa, che la Chiesa celebra il 17 novembre, lunedì prossimo 11 novembre, alle ore 12, presso la “Sala S. Francesco” del Palazzo arcivescovile di Perugia, si terrà una conferenza stampa per la presentazione del Primo Rapporto sulle povertà redatto dalle otto Caritas diocesane dell’Umbria. Si riferisce ai dati del 2018, sarà multimediale e non cartaceo, una story map che garantisce l’accesso alle informazioni sulle povertà in Umbria da numerosi dispositivi elettronici e che, soprattutto, si può implementare di anno in anno.

Questo strumento, che fotografa esclusivamente l’azione della Caritas, va ad arricchire il prezioso Rapporto che l’Osservatorio sulle Povertà dell’Umbria redige dal 1995 grazie ad un protocollo tra Regione Umbria e Conferenza Episcopale Umbra, con il fine di qualificare le azioni delle istituzioni, delle associazioni e dei singoli individui.

«Con questo Rapporto multimediale – afferma il prof. Marcello Rinaldi delegato regionale della Caritas e direttore di quella diocesana di Orvieto-Todi – vogliamo raccontare come si è evoluta la povertà, come si colloca l’Umbria nel quadro nazionale e quali sono i bisogni attuali. Ma soprattutto – prosegue – vogliamo raccontare l’impegno delle Caritas diocesane sul territorio per far fronte alle tante richieste e disagi». Rinaldi anticipa un solo dato che emerge dal Rapporto, che però è già eloquente: «Nel 2018 in Umbria la quota di famiglie in povertà relativa è pari al 14,3%, in crescita rispetto al 12,6% dell’anno precedente. In termini assoluti il fenomeno interessa oltre 50 mila famiglie della nostra regione».

Perugia: più volontari Caritas motivati e formati sulle orme del vescovo “santo” don Tonino Bello, al centro dell’imminente incontro di formazione. L’esperienza del “Villaggio della Carità” che prosegue da cinque anni grazie ad operatori e volontari

Sono due gli appuntamenti annuali formativi che la Caritas di Perugia-Città della Pieve offre a coloro che svolgono attività di volontariato nelle opere di carità diocesane e parrocchiali, programmati uno in autunno (9 novembre), l’altro in primavera (16 maggio). Sabato 9 (ore 9-13), presso il Centro Mater Gratiae di Montemorcino, si terrà un incontro rivolto anche a diaconi permanenti e aspiranti diaconi, dedicato alla figura del vescovo “santo” don Tonino Bello. Il teologo padre Giulio Michelin (Ofm), preside dell’Istituto Teologico di Assisi (ITA), aprirà l’incontro con una riflessione su “La Parola di Dio, fondamento del servizio ai poveri”, a cui seguirà una significativa testimonianza del dottor Domenico Cives, medico e amico del servo di Dio don Tonino Bello. Il dott. Cives è stato colui che ha seguito e accompagnato il vescovo pugliese nel calvario della malattia fino alla morte avvenuta il 20 aprile del 1993 all’età di 58 anni.

Figure di santità fondate nella carità.

La Caritas diocesana, come ha ricordato il suo direttore, il diacono Giancarlo Pecetti, durante la recente “Festa dei Volontari”, è da anni impegnata a promuovere incontri di formazione con testimonianze su figure di uomini e donne la cui santità trova fondamento nella carità. Basti pensare all’insegnamento del venerabile servo di Dio Vittorio Trancanelli, il noto medico chirurgo perugino che accolse prima in casa e poi in un’opera da lui voluta (“Alle Querce di Mamre”) minori in difficoltà e anche gravemente malati.

Necessari più volontari, soprattutto giovani.

«Anche se negli ultimi anni diversi giovani si sono avvicinati al volontariato – evidenzia il direttore Pecetti –, oggi c’è maggiore bisogno di volontari per un naturale ricambio generazionale nel prosieguo delle attività socio-caritative della Chiesa. Proprio ai giovani rivolgiamo l’invito a partecipare a questi incontri formativi dove possono trovare anche più motivazioni per il loro servizio donato al prossimo, in un’epoca sempre più individualista e indifferente alle situazioni di disagio dell’altro».

L’esperienza di volontariato al “Villaggio della Carità”.

Questi incontri di formazione, spiega il diacono Pecetti, «sono sulla Parola di Dio e sulla sua messa in pratica attraverso esperienze di vita cristiana, affinché il nostro cammino di vita trovi il suo senso ed il suo fine nella donazione di sé, soprattutto verso i più deboli». Gli incontri sono rivolti anche agli operatori e a quanti svolgono attività di volontariato nei servizi del “Villaggio della Carità – Sorella Provvidenza” di Perugia, operativo da cinque anni, dove è situato uno dei quattro Empori Caritas presenti sul territorio diocesano, che complessivamente forniscono generi alimentari di prima necessità, prodotti per l’igiene e materiale scolastico a 1.200 famiglie accolte da 160 volontari. Gli Empori, grazie a questi volontari, sono anche dei veri e propri centri di ascolto dove i fruitori trovano un clima familiare con momenti di incontro-dialogo e scambi di conoscenze. Il “Villaggio della Carità” è soprattutto luogo di accoglienza per 15 famiglie ospitate per periodi medio-lunghi nel corso dell’anno. Si tratta di persone rimaste senza lavoro e senza abitazione, con figli anche minori, in grave difficoltà, che per loro vengono messi a disposizione 50 posti letto. Questi ospiti sono seguiti da operatori e volontari motivati che li aiutano a ricostruirsi un futuro dignitoso.

Sostegno a chi cerca un lavoro dignitoso.

La Caritas è costantemente impegnata nelle attività di contrasto alla povertà fin dall’origine, cercando di promuovere quelle buone pratiche nel mondo del lavoro che sostengono la dignità del lavoratore e lo sviluppo etico dell’impresa. Questo grazie all’istituzione dell’Osservatorio “Etica del Lavoro e Impresa”, nato lo scorso aprile a seguito del progetto “SoSteniamo in lavoro”, seguito anch’esso da alcuni volontari, che ha dato la possibilità a circa 30 giovani adulti, negli ultimi due anni, di trovare un’occupazione dignitosa dopo un periodo di stage retribuito (grazie ai Fondi 8xMille della Chiesa cattolica), presso alcune aziende del territorio aderenti a questo progetto di rilevanza sociale.

Perugia ricorda mons. Remo Bistoni nel quinto anniversario della morte (2014-2019), canonico penitenziere della cattedrale, missionario, letterato, iscritto all’Albo d’oro della città

Una delle figure più insigni e poliedriche di sacerdoti contemporanei, “figli” della Chiesa diocesana di Perugia-Città della Pieve, è quella di mons. Remo Bistoni (1924-2014), canonico penitenziere della cattedrale di San Lorenzo, missionario, letterato, giornalista, iscritto all’Albo d’Oro della città di Perugia nel 2009 per i suoi diversi meriti conseguiti anche nel campo culturale e in quello sociale, contribuendo allo sviluppo della comunità cittadina.

In occasione del quinto anniversario della morte di «don Remo», come in tanti lo chiamavano, la famiglia e gli amici lo ricorderanno con un incontro, in programma sabato 9 novembre (ore 17), presso la Sala del Dottorato delle Logge della cattedrale, con testimonianze dirette sulla sua indimenticabile figura di sacerdote dedito ad annunciare, attraverso la messa in pratica del Vangelo in diversi ambiti della vita ecclesiale e civile, la Misericordia e la Carità.

Ancora oggi don Remo viene ricordato per la sua infaticabile attività pastorale accanto alle maestranze di significative realtà produttive del capoluogo umbro (fu per mezzo secolo il cappellano dello Stabilimento Perugina), oltre ad essersi prodigato all’avvio e allo sviluppo di una importante attività missionaria nello stato africano del Malawi, dove si recò molte volte. Inoltre è stato per un decennio cappellano della benemerita e storica opera del Sodalizio di San Martino, seguendo con dedizione gli anziani ospitati. Conosciuto anche come letterato, attraverso apprezzate opere in prosa e in poesia, e come giornalista pubblicista, con articoli e editoriali propositivi e stimolanti, ha concorso a vario titolo alla nascita e all’affermazione del settimanale cattolico umbro La Voce e dell’emittente diocesana Radio Augusta Perusia (oggi Umbria Radio in Blu).

La facilità della scrittura, la gioiosità dell’inventiva e la tenace memoria, hanno consentito a don Remo di curare anche profili biografici di santi (Santa Veronica Giuliani) e di personaggi, tra i quali l’arcivescovo Giovanni Battista Rosa e don Federico Vincenti, che ebbe nel 1998 l’onorificenza di “Giusto delle Nazioni” per la sua attività, svolta con altri preti, di salvataggio degli ebrei negli anni della persecuzione. Di grande interesse sono anche le sue rievocazioni storiche, ricche di date e personaggi come “Una Chiesa presente. Passaggio del fronte nel territorio della diocesi perugina 1943-1944”.

All’incontro in ricordo di don Remo interverranno il cardinale Gualtiero Bassetti, il vicario episcopale della Prima Zona pastorale dell’Archidiocesi mons. Saulo Scarabattoli, suo successore alla guida dell’associazione “Amici del Malawi”, don Marco Briziarelli, attuale presidente di quest’associazione, e Gino Puletti, che ricorderanno l’attività missionaria di mons. Bistoni. Inoltre interverranno il prof. Sandro Allegrini, che parlerà dell’opera letteraria del noto sacerdote, e la prof.ssa Isabella Giovagnoni, che leggerà alcuni brani in prosa o in versi tratti dalle opere di Bistoni, letture intervallate da momenti musicali.

Terni – dal 9 al 17 novembre la quindicesima edizione del Filmfestival Popoli e Religioni “First Man”

E’ dedicata allo storico sbarco sulla luna la quindicesima edizione Terni Film Festival Popoli e Religioni 2019 “First man”, che si svolgerà a Terni dal 9 al 17 novembre al Cityplex, alla Bct e al Museo diocesano e Teatro Don Bosco di San Francesco a Terni.
Vari i personaggi e gli eventi dedicati alla luna: una cantante, una regista e una gigante da ammirare in Bct insieme ad una riproduzione a grandezza innaturale della Terra. E ancora in film, corti, come il cinema l’ha immaginata e raccontata in oltre cento anni, mostre, racconti, un planetario e un’esperienza di realtà virtuale.
Popoli e Religioni – Terni Film Festival è un festival cinematografico internazionale che si occupa di dialogo interreligioso, integrazione degli immigrati, educazione al cinema e attività per i detenuti.
Il festival è organizzato dall’Istituto di Studi Teologici e Storico-Sociali, in collaborazione con la Diocesi Terni Narni Amelia e l’associazione di volontariato San Martino, gode del patrocinio del Comune di Terni e del Pontificio Consiglio per la Cultura e del sostegno della Regione Umbria, del Ministero per i beni e le attività culturali e della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni.
Il festival, con la direzione artistica di Arnaldo Casali, prevede proiezioni mattutine per gli studenti delle scuole elementari, medie e superiori e dell’Università, anteprime nazionali e internazionali, incontri con gli autori, concerti, spettacoli teatrali, mostre e un concorso internazionale per lungometraggi, cortometraggi dedicati al volontariato.

 

IL PROGRAMMA DELLA XV EDIZIONE

“Il film festival non è soltanto un mettersi davanti allo schermo e godersi una proiezione – ha detto il vescovo-, ma è una proposta che vuole aiutare le persone, la cittadinanza e i giovani a relazionarsi a dialogare tra popoli e religioni. Abbiamo al’ambizioni di imparare a convivere tra popoli e religioni diverse ed è proposto attraverso la cinematografia. Quest’anno a tema c’è un progetto particolare “First Man”, primo uomo sulla luna nell’anniversario dello storico evento, ma in generale c’è l’uomo nuovo, l’umanità nuova. Prima l’uomo, perché se rispettiamo l’uomo, se lo valorizziamo, allora i popoli e religioni vivranno bene, vivranno meglio, saremo tutti quanti meglio. Quindi questo primo uomo che sarà illustrato da varie sfaccettature, attraverso le proiezioni, il cinema e anche attraverso i dialoghi e le feste, i momenti che ci saranno, i focus che verranno organizzati tra le varie realtà che esistono nel nostro territorio che abbiamo invitato al filmfestival.
Mi auguro che questo aiuti a portare al centro anche il primo uomo che per noi è Cristo, in lui vengono riassunte tutte le qualità, realtà, dolori, gioie dell’umanità intera. Vogliamo guardare in filigrana la presenza dell’umanità di Cristo, umanità intera, che viene trasformata, resa più purificata, più nobile e più alta”.

L’ARTICOLO DEL VESCOVO PIEMONTESE SULLA RIVISTA SAN FRANCESCO

Uno degli obiettivi del festival è anche l’integrazione: per questo ogni anno il festival dedica un focus che per la prima volta sarà dedicato all’Italia, perché oggi i meno integrati in Italia sembrano essere proprio gli italiani. La giornata finale della kermesse sarà incentrata quindi su danze, a cura dell’associazione Diversa-mente, canti di Lucilla Galeazzi ed eccellenze enogastronomiche del nostro Paese, il tutto ad ingresso gratuito.
In programma anche un evento dedicato agli ottocento anni dall’incontro tra San Francesco e il sultano, il 13 novembre al Cityplex ore 21 con la proiezione del documentario “The sultan and the Saint” di Alexander Kronemer e il dibattito con padre Pietro Messa, il vescovo Piemontese, Alfonso Marini e Yusuf Abd al Hakim Carrara. A seguire “Riflessioni d’argento tra il buio e la luce” le lodi di Dio Altissimo/i 99 nomi di Allah con l’esibizione degli Eldar. L’apertura domenica 10 novembre alle ore 18 con la proiezione del film First Man e del classico di fantascienza “Le voyage dans la lune” con la musica eseguita dal vivo dagli studenti dei Licei Angeloni. L’Angelo alla carriera sarà consegnato ad Alice Rohrwacher sempre domenica 10 novembre.

Perugia: la solennità del Santo patrono Ercolano, vescovo e martire, defensor civitatis

Il 9 e il 10 novembre la Chiesa di Perugia celebra Sant’Ercolano, vescovo e martire, defensor civitatis, patrono della città e dell’Università degli Studi. E’ un’occasione per richiamare i perugini a riflettere sull’importanza di non sciupare «un patrimonio inestimabile, come quello della nostra città, la cui protezione e custodia è dovere di tutti», sottolinea il cardinale Gualtiero Bassetti nel fare memoria dell’«esempio che ci viene dal nostro Santo patrono, il vescovo Ercolano, che fu uno dei maggiori artefici della difesa di Perugia assediata dai Goti di Totila». Questa solennità è particolarmente sentita anche come momento per rinsaldare il legame tra la comunità civile e quella ecclesiale, chiamate ad operare insieme per il bene comune, raccogliendo le sfide di una città sempre più multiculturale dove non mancano esempi di dialogo, integrazione e solidarietà.

Le celebrazioni in onore del Santo patrono si terranno nella chiesa a lui intitolata e avranno inizio sabato 9, alle ore 11, con la messa presieduta dal vescovo ausiliare mons. Marco Salvi insieme al rettore di Sant’Ercolano don Francesco Benussi e ai parroci della città. Nel pomeriggio, alle ore 18, si terrà il concerto de “I Madrigalisti di Perugia”. Domenica 10, alle ore 10.30, il cardinale Bassetti presiederà la celebrazione eucaristica alla presenza dei rappresentanti delle Istituzioni civili e dei membri della storica e benemerita opera laica di carità del “Sodalizio di San Martino” (risalente al secolo XVI), proprietaria della chiesa di Sant’Ercolano (splendido edificio a forma ottagonale del secolo XIV). Nel pomeriggio, alle ore 17, sempre in Sant’Ercolano, si svolgerà l’incontro culturale dal titolo: “Dal Bonfigli al Regnaud. Le trasformazioni di una chiesa”, promosso dall’associazione “Radici di pietra”. In serata, alle ore 19.15, nella chiesa dell’Università, si terrà la messa per il mondo accademico celebrata da don Riccardo Pascolini, direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale universitaria, che al termine consegnerà a ciascun laureato nell’ultimo anno una lampada con l’effige del Santo patrono, come segno della propria vocazione cristiana ad essere “luce del mondo” nella vita e nella professione.