Assisi – giorno della memoria, Il 27 gennaio consegna delle medaglie d’onore

“Anche quest’anno in occasione del Giorno della Memoria abbiamo pensato a un ricco programma di appuntamenti che non si esaurisce il 27 gennaio, giornata particolarmente sentita in quanto la Prefettura consegnerà proprio in Assisi le Medaglie d’Onore, ma che si sviluppa anche nei prossimi mesi per dare il senso di un ricordo continuo e costante e che riguarda tutta la città. Assisi è stata infatti protagonista di una straordinaria pagina di accoglienza che ha visto tanti cittadini mobilitarsi: storie meno conosciute ma comunque importanti”. Con queste parole Marina Rosati, ideatrice e responsabile del “Museo della Memoria, Assisi 1943-1944”, realizzato dalla fondazione diocesana Opera Casa Papa Giovanni, presenta la serie di eventi promossi in occasione del Giorno della Memoria, insieme al Comune di Assisi. La serie di appuntamenti si aprirà il 23-25-27 gennaio alle ore 10 con “Leggere la memoria per generare il futuro” alla biblioteca comunale di Assisi e il 24-26-31 gennaio sempre alle ore 10 e con la stessa iniziativa al Bibliopoint di Santa Maria degli Angeli. Venerdì 27 gennaio alle ore 11 nella Sala della Spogliazione del palazzo vescovile ci sarà, come detto, la consegna delle Medaglie d’Onore da parte del prefetto di Perugia Armando Gradone e con i saluti del sindaco di Assisi, Stefania Proietti, della presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei e del vescovo delle diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino e di Foligno, monsignor Domenico Sorrentino.
Sabato 28 gennaio, alle ore 17 nella sala della Conciliazione del palazzo comunale “La storia di Marcella Ranzato in Paladin”: a raccontare come un’impiegata comunale sia entrata nell’organizzazione che falsificava le carte d’identità saranno direttamente i figli Paolo e Anna Chiara. Domenica 29 gennaio in piazza del Comune, con partenza alle ore 15, il percorso alla scoperta dei luoghi assisani della Memoria (non è necessaria la prenotazione) con la visita quest’anno alla casa di Maceo Angeli e alla Basilica di San Francesco dove verrà ricordato il frate conventuale, padre Michele Todde che aiutava gli ebrei; si potranno vedere i luoghi della Basilica dove venivano nascosti gli stessi. Gli appuntamenti di gennaio si chiudono lunedì 30 alle ore 18 al teatro della Pro Civitate Christiana con il concerto “Kechì Kinnòr – Prendi il violino” con Enrico Fink e i solisti dell’Orchestra multietnica di Arezzo. Altri appuntamenti sono in programma per lunedì 6 marzo alle ore 10.30 quando, in occasione della Giornata europea dei Giusti, ci sarà una cerimonia in ricordo di Giovanni Palatucci, poliziotto italiano Giusto tra le Nazioni; venerdì 26 maggio alle ore 18 all’oratorio di Santa Chiarella si ricorderà Vittorio Rinaldi, giovane assisano ingiustamente condannato e ucciso nel 1939; e sabato 17 giugno alle ore 11.30 in viale Vittorio Emanuele II, cerimonia in onore di Valentin Muller.

Terni – Lutto in diocesi per la morte di Nicola Mole’ cattolico vero ed appassionato. Il funerale il 18 gennaio nella chiesa di San Pietro a Terni

La comunità diocesana è in lutto per la morte dell’avvocato Nicola Molè, avvenuta il 17 gennaio, all’età di 92 anni. Nicola Molè nato Polia (Vibo Valentia) il 26 febbraio 1931, coniugato e padre di due figli, avvocato libero professionista, commendatore dell’ordine di San Gregorio Magno, si è laureato in Giurisprudenza nel 1954 all’Università di Roma. Ha svolto il servizio militare di leva come sottotenente dell’Arma dei Carabinieri negli anni 1955-56, alla quale era rimasto legato partecipando alle varie ricorrenze annuali.
Intellettuale di valore, cattolico vero ed appassionato, è stato un punto di riferimento per la comunità intera e per il laicato diocesano dal dopoguerra ad oggi, sia all’interno della Chiesa che nella città attraverso le sue molteplici forme di presenza e di servizio, principalmente nell’Azione Cattolica dove è stato presidente diocesano della Giac dal 1951 al 1954, in seguito presidente diocesano e delegato regionale Aci dell’Umbria dal 1970 al 1980. Abbracciava e seguiva con passione e dedizione lo sviluppo della Chiesa cattolica dopo il Concilio Vaticano II ed è stato conoscitore attento della Dottrina sociale della chiesa.
In diocesi è stato delegato per i problemi sociali e del lavoro durante l’episcopato di mons. Santo Quadri e tra coloro che prepararono la visita di papa Giovanni Paolo II a Terni e all’acciaieria. Presidente del consiglio pastorale diocesano ad inizio 2000 e membro della segreteria del Congresso dei laici, vicepresidente del comitato diocesano per il Giubileo del 2000, cofondatore della Unione Giuristi Cattolici Italiani di Terni, di cui è stato primo Presidente e Presidente Emerito e Vice Presidente.
È stato tra i fondatori di Radio Tna agli inizi degli anni Settanta, incaricato da mons. Quadri per la comunicazione sociale, ambito che non ha mai abbandonato da allora ad oggi, scrivendo articoli ed editoriali per il settimanale cattolico regionale La Voce, per il Messaggero, per settimanali e riviste cattoliche, per la radio e partecipando a trasmissioni televisive e dibattiti, dove ha sempre dato il suo chiaro e appassionato contributo sui temi sociali, ecclesiali e politici. In ambito regionale è stato coordinatore della commissione per le Comunicazioni sociali e collaboratore attivo dell’ufficio diocesano per le Comunicazioni Sociali.
“La nostra diocesi perde una persona di grande spessore per la città di Terni – ricorda il vescovo Francesco Soddu – che ha servito la società da credente e cristiano appassionato. Il suo servizio a tutto tondo lo annovera tra i personaggi che hanno segnato profondamente la vita sociale, civile e religiosa della nostra diocesi. Ringraziamo il Signore per avercelo donato. Il suo esempio rimane come uno dei grandi tesori a cui far sempre riferimento, nel perseguimento del bene comune che è stato uno dei cardini della sua opera e testimonianza”.
L’impegno politico, lo ha visto consigliere comunale di Terni dal 1960 al 1970 e presidente della Provincia di Terni dal 1995 al 1999.
“Uno dei tanti” è la sua pubblicazione del 2013, che raccoglie memorie tra militanza religiosa e impegno politico, dove come storico e come credente, diventa esploratore attento e puntuale dei variegati scenari nazionali e locali, ecclesiali e civili, come laico che nella Chiesa, con gioia, vive la sua condizione laica ne ricorda i dinamismi spesso conflittuali, le elaborazioni teologiche e pastorali a seguito del Concilio Vaticano II, ripercorre la sua straordinaria avventura calata in un panorama amplissimo, aperto su tutti i fronti, dalla politica all’economia, dalla comunicazione ai partiti, dalla comunità ecclesiale alla società civile.
La sua ultima testimonianza, lucida commovente e incisiva, in occasione dell’incontro nella chiesa di san Lorenzo il 9 novembre 2022 “In vecchiaia daranno ancora frutti” organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio.

Le esequie saranno celebrate mercoledì 18 gennaio alle ore 14.30 nella chiesa di San Pietro a Terni e presiedute dal vescovo della diocesi mons. Francesco Antonio Soddu.

 

Perugia – morte in Nigeria del sacerdote padre Isaac Achi, il ricordo di persecuzioni testimoniate dal sacerdote diocesano Orlando Sbicca, missionario in Burundi dal 1971 al 1979

«Ogni volta che apprendo la tragica notizia della morte violenta di un missionario, sia consacrato sia laico, in terra di missione, mi vengono i brividi. Nella morte atroce di padre Isaac Achi, bruciato vivo nella sua canonica in Nigeria, domenica scorsa (15 gennaio, n.d.r.), rivivo quanto è accaduto ad alcuni dei miei compagni in Burundi, presso la Missione di Buyengero dei Padri Saveriani. La sera del 30 settembre 1995, tre soldati arrivano alla Missione di Buyengero: fanno inginocchiare padre Ottorino Maule, padre Aldo Marchiol e Catina Gubert, una volontaria laica, e vengono uccisi con arma da fuoco. Padre Ottorino Maule fu ordinato sacerdote insieme a me e ad altri 29 saveriani il 15 ottobre 1967». A raccontarlo al settimanale cattolico La Voce, in edicola venerdì 20 gennaio, è l’ottantaduenne monsignor Orlando Sbicca, direttore dell’Ufficio diocesano missionario di Perugia-Città della Pieve, che trentenne, nel 1971, lasciò la sua Umbria (è originario di Deruta dove è nato l’11 gennaio 1941) per andare missionario in Burundi. Dal piccolo Paese africano, della regione dei Grandi Laghi, don Orlando venne espulso, su disposizione delle autorità governative, otto anni dopo, nel 1979, perché considerato un «prete contrario ai vatussi», precisa lo stesso sacerdote. «Pur avendo dalla mia parte – ricorda don Orlando – persone del posto che testimoniarono in mio favore, smentendo le false accuse a me mosse, non ebbi scampo. Dopo momenti di tensione e di paura mi fu ordinato di lasciare il Burundi in 24 ore… Furono momenti duri! Certo, con il cuore sono rimasto per sempre in Africa. Ogni volta che apprendo notizie su feroci persecuzioni, i ricordi affiorano nella mente e penso anche a quanto bene i missionari riescono a fare in mezzo a mille difficoltà e tribolazioni».

«I cristiani sono da sempre perseguitati per la testimonianza della propria fede – commenta l’anziano sacerdote –, diversi, purtroppo, fino al martirio in molte parti del mondo. È una tragedia che si ripete periodicamente con decine di morti. Lo scorso anno ne abbiamo contati ventidue tra consacrati/te e laici/che in terra di missione. La loro memoria non va dimenticata e per questo ogni anno celebriamo anche nella nostra comunità diocesana la Giornata dei missionari martiri, il 24 marzo, in ricordo dell’uccisione, avvenuta nel 1980, dell’arcivescovo di San Salvador, Oscar Romeo, il “Santo de America”. E’ inquietante anche il fatto che ormai la stampa dà sempre meno rilevanza a questi martiri e al loro martirio, come del resto anche alle cosiddette guerre “dimenticate”, che si trasformano in vere e proprie stragi di innocenti indifesi. Di queste stragi, tra i pochi a darne notizia, sono proprio i missionari che lo fanno, spesso, rischiando la vita. È di conforto – conclude don Orlando Sbicca – che il nostro ministro degli Esteri, Antonio Tajani, abbia subito condannato il brutale omicidio di padre Achi in Nigeria e fatto appello affinché tutti i governi proteggano le minoranze cristiane».

Foligno – estrazione dei numeri vincenti della lotteria “Porta un sorriso ai bambini di Gerico” dell’associazione Santo Sepolcro Foligno.

Il 7 gennaio, presso Hotel Los Angeles, in Santa Maria degli Angeli in Assisi, alla presenza del delegato del Sindaco di Assisi Maria Martini degli Esposti e di P. Giuseppe Battistelli, ofm, Presidente dell’associazione Santo Sepolcro Foligno ets, si è svolta l’estrazione dei numeri vincenti della lotteria “Porta un sorriso ai bambini di Gerico”.
NUMERI VINCENTI – ELENCO PREMI
339 Buono Omaggio per una persona, non nominativo, per un viaggio in Terra Santa, organizzato dall’associazione Santo Sepolcro Foligno ets (valido dic.2024)
945 Televisore 32 pollici
1244 Quadro a olio dell’artista Giovanna Gubbiotti
639 Pernottamento per una notte ( Commutabile in cena ) per due persone presso Hotel Los Angeles
170 Madonna con bambino – Ceramica di Gualdo Tadino
287 Sciarpa Cashmere 100%
1225 Lattina Olio Evo – 5 litri
436 Croce d’ argento del decennale dell’Associazione
151 Fornetto elettrico
1341 Borsone da viaggio
207 Zaino
192 Servizio da caffè
1377 Cestino prodotti tipici umbri
I338 Confezione di Nardo e Mirra
877 Piatto decorato
I premi vanno ritirati entro tre mesi dall’ estrazione presso Hotel Los Angeles, in Via Los Angeles 77/a, S.Maria degli Angeli
In un clima natalizio e festoso, P. Giuseppe ha ringraziato tutti partecipanti e i benefattori, che in modo diverso hanno sostenuto l’ Associazione e contribuito alla divulgazione della lotteria, inoltre ha comunicato che entro il mese di febbraio verrà presentato il programma dell’ anno in corso presso il Monastero Francescano “ Casa Laudato Sii “ delle Suore Angeline, in Santa Maria degli Angeli.

Assisi – servizio civile, un’esperienza formativa di 12 mesi nelle strutture della Caritas

È online il bando per il Servizio civile per selezionare volontari da impiegare in progetti della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino, svolgendo 12 mesi di servizio presso le opere segno della Caritas diocesana.

I posti messi a disposizione in diocesi sono sette, suddivisi su più progetti per 25 ore settimanali a scelta tra: Mensa Centro di accoglienza Casa Papa Francesco (2 posti, di cui 1 riservato ai giovani con minori opportunità – progetto “Prima gli ultimi”); Emporio solidale diocesano “7 Ceste” (3 posti, di cui 1 riservato ai giovani con minori opportunità – progetto “Mani tese”); Centro di Volontariato Sociale di Gualdo Tadino (2 posti, di cui 1 riservato ai giovani con minori opportunità – progetto “Futuro in ascolto”).

I requisiti di partecipazione sono: a) cittadinanza italiana, oppure di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, oppure di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia;

b) aver compiuto il diciottesimo armo di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;

c) non aver riportato condanna, anche non definitiva, alla pena della reclusione superiore ad un armo per delitto non colposo oppure ad una pena, anche di entità inferiore, per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, oppure per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

I candidati dovranno produrre domanda di partecipazione, indirizzata direttamente all’ente titolare del progetto prescelto, esclusivamente attraverso la piattaforma DOL raggiungibile all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it.

Per accedere ai servizi di compilazione e presentazione della domanda sulla piattaforma DOL occorre che il candidato sia riconosciuto dal sistema.

I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.

Le domande di partecipazione devono essere presentate esclusivamente nella modalità on-line entro e non oltre le ore 14 del 10 febbraio.

Per le informazioni dettagliate consultare il bando sul sito www.diocesiassisi.it e https://www.caritas.it/

Diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino – settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

Con il tema “Imparate a fare il bene, cercate la giustizia” tornano, dal 18 al 25 gennaio, gli appuntamenti della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani celebrati congiuntamente dalle diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino e di Foligno. “Siamo ormai prossimi all’ottavario di Preghiera per l’Unità dei Cristiani – spiega Marina Zola, responsabile dell’ufficio diocesano per l’ecumenismo -. Tempo speciale per unirci e domandare a Dio il dono dell’unità nella Chiesa, tra le chiese e comunità ecclesiali di differenti tradizioni. Questa preghiera per l’unità deve condurre ogni cristiano a un impegno personale e concreto per il bene collettivo e il contrasto alle ingiustizie a cui assistiamo sia a livello globale sia nei nostri ambienti di vita. Le Commissioni Ecumenismo e dialogo della nostra diocesi e della diocesi di Foligno – aggiunge Zola – hanno condiviso il lavoro preparatorio per l’Ottavario proponendo, oltre al sussidio, una breve preghiera che potrà unirci nell’invocazione. Per questa Settimana di preghiera, avremo come negli anni passati, otto tappe ad Assisi e una a Foligno”. Gli appuntamenti saranno i seguenti: mercoledì 18 gennaio ore 20:30 Santuario della Spogliazione (“Imparare a fare la cosa giusta”), giovedì 19 gennaio ore 20:30 Chiesa di Santa Maria sopra Minerva (“Quando è fatta giustizia”); venerdì 20 gennaio ore 20:30 Chiesa Nuova (“Agisci con giustizia, ama la misericordia, vivi con umiltà”); sempre venerdì 20 gennaio ore 21:00 Pro-cattedrale di Sant’Agostino (“Agisci con giustizia, ama la misericordia, vivi con umiltà”); sabato 21 gennaio ore 21:15 Basilica di Santa Maria degli Angeli (“Guardare le lacrime degli oppressi”); domenica 22 gennaio ore 17:45 Basilica di Santa Chiara ore 17:45 (“Cantare il canto del Signore in terra straniera”); lunedì 23 gennaio ore 20:30 Abbazia di San Pietro (“Tutte le volte che avete fatto ciò a uno dei più piccoli […] lo avete fatto a me”); martedì 24 gennaio ore 18:30 Basilica di San Francesco (Giobbe 5, 11-16; Luca 1, 46-55); mercoledì 25 gennaio ore 20:30 Cattedrale di San Rufino (“La giustizia che ristabilisce la comunione”). Il vescovo monsignor Domenico Sorrentino presiederà ad Assisi le celebrazioni di mercoledì 18 nel Santuario della Spogliazione e mercoledì 25 nella Cattedrale di San Rufino, e a Foligno la celebrazione del 20 nella pro-cattedrale di S. Agostino, a cui parteciperà P. Sebastian Lungu, della Chiesa Ortodossa rumena. Alla preghiera conclusiva del 25 interverranno oltre P. Sebastian, padre Petru Heisu, della chiesa ortodossa rumena, il rev. Tim Daplyn della chiesa anglicana e il pastore Pawel Gaiewski della chiesa valdese. Tra gli eventi da segnalare: domenica 22 alle ore 20:30 la proiezione del film “La lettera” presso il Centro Convegni “Colle del Paradiso” del Sacro Convento in collaborazione con il Movimento Laudato Sì (Per partecipare è necessario iscriversi compilando il modulo a questo link: https://bit.ly/3XokrrH) e il 26 gennaio alle 16,30 nella sala della Spogliazione la XXXIV Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo tra cattolici ed ebrei su Isaia 40 (1-11) che vedrà la partecipazione del rabbino Benedetto Josef Carucci Viterbi, figlio di Grazia Viterbi, ebrea nascosta e salvata in Assisi e la professoressa dell’Istituto teologico di Assisi, Giuseppina Bruscolotti.

IL PROGRAMMA

Gualdo Tadino in festa per la solennità del Beato Angelo, compatrono della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino.

“Siamo pronti a celebrare normalmente la festa del nostro patrono, dopo il lungo periodo di pandemia che ha limitato anche la vita e l’attività della parrocchia – dice don Francesco Berrettini, parroco della concattedrale di San Benedetto, dove sono custodite le spoglie del Beato – . Oltretutto, quest’anno la solennità cade di domenica e quindi ci aspettiamo una più ampia partecipazione; partecipazione numerosa che si sta vedendo anche nella novena di questi giorni. È bello tornare a celebrare nella normalità il Beato Angelo non solo per l’aspetto religioso e spirituale che porta con sé, ma anche perché riprendono relazioni, incontri e fraternità. E poi – conclude Berrettini – ci prepariamo al centenario dell’anno prossimo, quando saranno 700 anni dalla morte”. Per quanto riguarda il programma delle celebrazioni fino al 13 gennaio è in corso la novena di preparazione con la preghiera del Santo Rosario e la celebrazione eucaristica “Preghiera al Beato Angelo”. Le cerimonie religiose entreranno poi nel vivo sabato 14 gennaio alle 18, quando nella Basilica concattedrale di San Benedetto si terrà la celebrazione del vespro con la cerimonia dell’offerta dell’olio per la lampada votiva da parte dell’amministrazione comunale. Seguirà alle 21 la veglia di preghiera con la fiaccolata che, muovendo dalla Basilica concattedrale, si dirigerà verso il cespuglio del biancospino, situato nella via omonima, dove si potrà assistere alla prodigiosa fioritura delle spine in notturna. In contemporanea un’altra fiaccolata, organizzata dal Club alpino italiano (Cai), partirà dall’eremo del Beato Angelo e ripercorrerà l’antico itinerario compiuto, nel lontano 1324, con la salma del Beato eremita, per ricongiungersi con l’altra fiaccolata presso il cespuglio del biancospino. e pregare insieme. Domenica 15 gennaio, giorno in cui la Chiesa resterà aperta dalle 6,30 alle 13 e dalle 15 alle 22, le sante messe saranno celebrate alle 7, alle 8, alle 9 e alle 10, mentre alle 11,15 la solenne concelebrazione eucaristica sarà presieduta dal vescovo delle diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino e di Foligno, monsignor Domenico Sorrentino. Nel pomeriggio alle 16,30 ci sarà la funzione del Transito, alle 17,30 la celebrazione del vespro e alle 18 la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo di Gubbio, monsignor Luciano Paolucci Bedini. Lunedì 16 gennaio alle 18 verrà celebrata la santa messa per i soci vivi e defunti della Pia Associazione del Beato Angelo.

Gubbio – Don Gerardo Balbi è tornato alla casa del Padre.

Dopo una lotta con la malattia, è tornato alla casa del Padre don Gerardo Balbi, sacerdote umbertidese della diocesi di Gubbio, vicario parrocchiale della comunità di Cristo Risorto. Aveva quasi 80 anni – era nato proprio alla Fratta il 29 novembre 1943 – ed era stato consacrato presbitero il 28 giugno 1997. Non vedente dalla nascita era un grande appassionato di suono e di musica.

Dal Serafico di Assisi al conservatorio
Dall’età di sei anni era entrato nell’Istituto Serafico di Assisi dove aveva iniziato anche i primi studi musicali, proprio assecondando le sue doti innate. Oltre agli studi al liceo classico “Properzio” di Assisi, don Gerardo si è diplomato in pianoforte al conservatorio “Morlacchi” di Perugia e poi in composizione polifonica a Pesaro. Balbi è stato insegnante nella scuola pubblica per circa trent’anni ma ha sempre prediletto l’attività concertistica che lo ha portato a esibirsi anche all’estero. Tutto questo accanto all’attività in parrocchia, dove è nata anche la sua vocazione, una “scelta tardiva ma consapevole, sorretta da coscienza e da una fede trasmessa e coltivata”, aveva raccontato lui stesso, qualche anno fa, in una intervista rilasciata all’ex compagno di scuola Francesco Frascarelli.
Da sacerdote, Balbi è stato sempre vicario parrocchiale a Cristo Risorto e anche parroco a Camporeggiano, tra Umbertide e Gubbio. Della zona umbertidese era anche vicario pastorale. I funerali di don Gerardo saranno celebrati domani, giovedì 12 gennaio, alle ore 15 nella chiesa di Cristo Risorto, presieduti dal vescovo Luciano Paolucci Bedini e concelebrati da numerosi sacerdoti diocesani. La camera ardente sarà aperta da oggi pomeriggio alle ore 14.30 e alle 21 è fissata la recita del Santo Rosario, sempre a Cristo Risorto.

Foligno – progetto cittadini del mondo “L’evento educativo” seconda conferenza di formazione

Giovedì 12 gennaio dalle ore 16.00 alle 19.00 presso l’aula magna dell’Istituto Tecnico Tecnologico L. Da Vinci, viale G. Marconi n° 6 in Foligno, seconda conferenza di formazione dal titolo “L’evento educativo” nell’ambito del Progetto Cittadini del Mondo promosso dalla Diocesi di Foligno. L’obiettivo è quello di realizzare un laboratorio formativo per ragionare sul ruolo positivo delle relazioni tra docenti-studenti, genitori-figli, educatori-giovani, dove sperimentare le proprie competenze e sviluppare la propria identità, in un continuo scambio con i pari e “le guide”, nel quale i processi emotivi e relazionali assumono un ruolo centrale.
La conferenza sarà tenuta dalla Dott.ssa Francesca Mattioli psicologa e psicoterapeuta laureata all’Università Pontificia Salesiana di Roma. Specializzata in analisi transazionale presso IFREP di Roma.
L’incontro è aperto a tutta la cittadinanza in particolare modo ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado, genitori, assistenti sociali, amministratori pubblici, educatori di oratorio e gruppi giovanili parrocchiali, operatori pastorali.

Per partecipare alla conferenza basta contattare la segreteria del Progetto Cittadini del Mondo a: sociale@diocesidifoligno.it

Perugia – L’esperienza di Servizio Civile in Caritas nei tre ambiti socio-caritativi del centro d’ascolto, dell’emporio e della mensa

Sono numerosi i giovani interessati al Servizio Civile e coloro che vogliono vivere questa esperienza, nel biennio 2023-24, hanno ancora 30 giorni di tempo – fino alle ore 14 del 10 febbraio p.v. – per presentare la domanda di adesione. Lo prevede il bando pubblicato il 15 dicembre u.s. dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale, per la selezione di 71.550 operatori volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile Universale che si realizzeranno tra il 2023 e il 2024. Caritas Italiana vede finanziati complessivamente 181 progetti in Italia, per un totale di 1.663 posti, e 10 progetti all’estero per 46 posti. Tutti i progetti proposti dalla Caritas Italiana hanno una durata di 12 mesi. Nell’ambito del programma regionale Fratelli Tutti a cui partecipano tutte le Caritas diocesane della regione Umbria, la Caritas di Perugia-Città della Pieve ha ottenuto il finanziamento di 3 progetti per un totale di 12 volontari.

I progetti di Caritas Perugia: – FUTURO IN ASCOLTO (nell’ambito dell’attività svolta dal Centro di Ascolto): 12 mesi, 25 ore settimanali su 5 giorni, 4 posti disponibili di cui 1 riservato a giovani con minori opportunità, cioè temporanea fragilità personale o sociale (da autocertificare ai sensi degli artt.46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000); – MANI TESE (nell’ambito dell’attività svolta dall’Emporio della Solidarietà con ente attuatore Fondazione di Carità San Lorenzo): 12 mesi, 25 ore settimanali su 5 giorni, 4 posti disponibili di cui 1 riservato a giovani con minori opportunità, cioè temporanea fragilità personale o sociale (da autocertificare ai sensi degli artt.46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000); – PRIMA GLI ULTIMI ((nell’ambito dell’attività svolta dalla Mensa diocesana): 12 mesi, 25 ore settimanali su 6 giorni, 4 posti disponibili di cui 1 riservato a giovani con minori opportunità, cioè temporanea fragilità personale o sociale (da autocertificare ai sensi degli artt.46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000).

Da sapere. Per candidarsi occorre avere tra i 18 e i 28 anni e i requisiti richiesti sono quelli previsti dal D.Lgs 40/2017. Per scoprire che cosa è il servizio civile è utile https://scelgoilserviziocivile.gov.it/scopri-il-servizio-civile/ mentre per scegliere il progetto Caritas di interesse si può accedere al sito nazionale https://www.caritas.it/bando-volontari-servizio-civile-2022/ o alla pagina dedicata sul sito diocesano https://www.caritasperugia.it/servizio-civile/ . Le domande vanno presentate esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda online (DOL) all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it entro e non oltre le ore 14.00 del 10 febbraio 2023. Per info scrivere a serviziocivileuniversale@caritasperugia.it . Gli operatori volontari selezionati sottoscrivono con il Dipartimento un contratto e l’importo dell’assegno mensile per lo svolgimento del servizio è pari ad € 444,30.

Al servizio del bene comune. La Chiesa Italiana ha affidato a Caritas, già dagli anni ’70, il compito di promuovere obiezione di coscienza e servizio civile come libera scelta del giovane a servizio della persona, del bene comune, della solidarietà sociale e dell’educazione alla pace tra i popoli.

Occasione preziosa di crescita. Il direttore della Caritas diocesana di Perugia, don Marco Briziarelli, nel commentare questa grande opportunità per i giovani e per la comunità locale, evidenzia: «Servendo la persona umana e la comunità ferita dalla povertà, dall’emarginazione, dalla guerra e dalla propria stessa fragilità, il servizio civile diventa occasione preziosa di crescita per tanti giovani che camminano verso l’età adulta alla ricerca della propria piena vocazione umana. Sperimentarsi e mettersi alla prova nell’animare e custodire la comunità così come la dignità della vita dell’altro, nella concretezza dell’attività proposta dai progetti, può essere luce e segno che illumina la strada verso l’età adulta e il compimento della propria realizzazione personale».

Mettersi a disposizione. «Il servizio civile – precisa don Briziarelli – non può essere un “lavoretto nel frattempo che”, né “un parcheggio in attesa di”, tantomeno un “sostegno economico in più mentre sono impegnato in altro”. Il servizio civile risponde alla volontà di mettersi a disposizione del bene comune con i propri piccoli mezzi, perché, nell’esperienza di un anno, essi possano crescere e diventare competenze provate, capacità relazionali maturate, coscienza di sé verificata».