Assisi – le celebrazioni del Triduo pasquale che possono essere seguite su Maria Visione e sui diversi canali online

La diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino si appresta a vivere i riti della settimana Santa, a porte chiuse, a seguito delle restrizioni del governo per evitare il contagio da Covid-19. In particolare il vescovo diocesano monsignor Domenico Sorrentino presiederà la messa in “Coena Domini” del giovedì Santo nel Santuario della Spogliazione alle ore 17. Venerdì Santo l’azione liturgica della Passione del Signore si svolgerà alle ore 16 nella cattedrale di San Rufino. La celebrazione della veglia Pasquale, presieduta da monsignor Sorrentino, si svolgerà nella Basilica di San Francesco alle ore 22, mentre domenica 12 aprile santa messa di Pasqua nella Basilica di Santa Maria degli Angeli a partire dalle ore 11,30.

Tutte le celebrazioni potranno essere seguite in diretta sulla pagina Facebook Diocesi Assisi-Nocera-Gualdo e su Maria Vision (in Umbria canale 602 – diretta streaming su https://www.mariavision.it/maria-vision-italia – oppure scaricando la App: https://subsplash,com/mariavisin/app). La celebrazione della veglia di Pasqua può essere seguita anche sul sito www.sanfrancesco.org, e sulla pagina Facebook “San Francesco d’Assisi”; quella del giorno di Pasqua potrà essere seguita anche sulla Webtv su www.porziuncola.org, dall’App gratuita “Frati Assisi” e sui canali social Facebook e Youtube “Frati Assisi”.

Perugia: “Tutto è compiuto”, la quinta “Lettera settimanale di collegamento” del cardinale Gualtiero Bassetti alla comunità diocesana nel tempo del “Coronavirus”

“Tutto è compiuto” è il titolo della quinta “Lettera settimanale di collegamento” del cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti alla comunità diocesana di Perugia-Città della Pieve, il cui testo integrale è scaricabile dal link: http://diocesi.perugia.it/la-v-lettera-settimanale-collegamento-del-cardinale-gualtiero-bassetti-alla-comunita-diocesana-nel-tempo-del-coronavirus-martedi-7-aprile-2020/ .

Il mondo che cambia. Ritrovando tra le sue «vecchie carte» una meditazione che tenne per il Venerdì Santo del 2000, l’anno del «Grande Giubileo voluto e preparato da san Giovanni Paolo II», il cardinale Bassetti, nell’introdurre la sua lettera, sottolinea quanto l’ultimo ventennio non si sia trattato tanto «di un’epoca di mutamenti, ma di una vera rivoluzione, che possiamo definire “cambiamento d’epoca”. C’è però un fatto che consola e apre alla speranza: Gesù Cristo. Egli è colui che “era”, che “è” e che “verrà”. E come 20 anni fa, anche oggi, grazie a Dio, al timone della barca di Pietro c’è una guida sicura e forte, il nostro amato papa Francesco».

Lo sguardo sulla croce. «La mia riflessione – spiega il presule – è per orientare a vivere bene il Venerdì Santo. Vi invito perciò a fissare lo sguardo su Gesù inchiodato alla croce. Egli non può più far altro che pendere e soffrire. Anche per noi vengono tali ore, in cui non possiamo far nulla: è un po’ quello che stiamo vivendo in questo periodo di pandemia, e non ci resta che perseverare con Dio».

Tutto offrì al Padre. «È sempre l’innocente che soffre per il colpevole – scrive Bassetti –. È sempre il seme che deve morire se vuol portare frutto. Neppure a Gesù fu risparmiato nulla di quanto possa chiamarsi miseria umana. Tutto offrì al Padre, con libero atto di accettazione, come sacrificio infinito di lode, di ringraziamento e di espiazione per gli uomini. Soffrì la desolazione e l’abbandono. Lottò e combatté la sua battaglia, fra lacrime e tormenti …».

Ascoltare la voce del Crocifisso. «Fratelli, in questa settimana di Passione, in cui abbiamo più tempo che negli altri anni, fermiamoci un po’ e guardiamo il Crocifisso: è il luogo del nostro incontro con Dio, del dono della vita, della remissione dei nostri peccati, della nostra giustificazione e santificazione. Guardiamo il Crocifisso: è il Signore! “Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso!” (At 2, 36). Guardiamo il Crocifisso: questo mistero di amore e salvezza! Guardiamo il Crocifisso e ascoltiamo la sua voce: “Voi tutti che passate per strada, alzate lo sguardo e vedete se c’è un dolore grande come il mio” (Lam 1, 12)».

Esempi di santità. Il cardinale Bassetti conclude la sua lettera citando quattro grandi figure della Chiesa accomunate dall’abbraccio di ciascuno per la vita di croce: papa Paolo VI, padre Turoldo, don Mazzolari e Francesco di Assisi. Il Santo patrono d’Italia, scrive Bassetti, «si è talmente immerso nella meditazione del Crocifisso fino al punto di lasciarsi impressionare e di portare sulla sua carne le stimmate del Salvatore».

Foligno – celebrazioni della Settimana Santa presiedute dal Vescovo Mons. Gualtiero Sigismondi.

L’Ufficio per le comunicazioni sociali della Diocesi di Foligno ha realizzato la locandina degli appuntamenti delle celebrazioni della Settimana Santa presiedute dal Vescovo Mons. Gualtiero Sigismondi. Le celebrazioni, tutte in assenza di popolo secondo il decreto ministeriale a causa emergenza COVID19, saranno trasmesse in streaming sulle pagine Facebook dei mezzi di comunicazione della Diocesi: Diocesi di Foligno, Rgunotizie.it, Gazzetta di Foligno, Radio Gente Umbra.
Le celebrazioni saranno disponibili anche attraverso il sito della Diocesi di Foligno: www.diocesidifoligno.it

Terni – Caritas-San Martino è attivo il numero verde 800 766 455 per sostegno psicologico, orientamento e aiuti materiali

#Restiamoacasa#Noicisiamoadistanza è il messaggio che la Caritas di Terni-Narni-Amelia e l’associazione di volontariato San Martino, rivolgono a tutte le persone del territorio che stanno vivendo con particolare disagio l’attuale momento di emergenza senza precedenti. In questa esperienza collettiva di isolamento e quarantena domiciliare diventa ancora più necessario rispondere alle esigenze delle persone più fragili e a rischio di esclusione sociale.
Per questo è stato attivato il numero verde 800 766 455 per offrire servizi di: ascolto psicologico dalle 9:30 alle 12:30 dal lunedì al venerdì; informazioni e orientamento ai servizi, ai sussidi e sostegni economici offerti sul territorio per l’emergenza, dalle 9:30 alle 12:30 dal lunedì al venerdì e dalle 14:00 alle 16:00 dal lunedì al giovedì.
Un team composto da personale esperto e qualificato fornirà aiuto per affrontare nel migliore dei modi questi giorni di isolamento a casa, fornendo assistenza e supporto morale e psicologico a chi più di altri risente dell’emergenza sanitaria in corso.
Le prestazioni fornite rientrano tra i servizi potenziati e attivati nel Centro di Ascolto Caritas di Terni, nell’ambito del progetto Innovater, finanziato nel settore “Avviso della Regione Umbria per la Presentazione di progetti sperimentali del terzo settore – Azioni innovative di welfare territoriale”.
“In questo periodo di emergenza virus – precisa il direttore della Caritas Ideale Piantoni – per aiutare, come dice il Santo Padre Francesco i poveri che “non vediamo”, abbiamo attivato il numero verde 800 766 455 chiamando il quale sarà possibile anche fare richiesta di aiuti economici. Il nostro riferimento sono sempre le parrocchie, che saranno contattate direttamente dalla Caritas nel momento in cui al numero verde perverrà una richiesta di aiuto da parte di persone in difficoltà, in base all’appartenenza del territorio parrocchiale. Insieme alla parrocchia decideremo come intervenire in ogni singolo caso, con aiuti che permettano un pagamento con giustificativo fiscale e per un importo massimo stabilito sulla linea del “Fondo Solidale per le famiglie disagiate”, in atto da anni in Diocesi. Pertanto, per evitare spostamenti superflui, la parrocchia dovrà essere la mediatrice e far pervenire, a mezzo mail o fax, la richiesta”.

Il santuario di Santa Rita a Roccaporena. La Messa di mons. Boccardo allo Scoglio della preghiera: «Tutti abbiamo paura del virus: noi che credevamo di avere il mondo in mano, di poter allontanare pure la morte, ora ci troviamo fragili, indifesi. Con Rita diciamo: “Nell’angoscia ti invochiamo, salvaci Signore”»

In questo tempo di Coronavirus il Santuario di Santa Rita a Roccaporena di Cascia riceve tante telefonate, mail e messaggi dall’Italia e da vari Paesi del mondo. Come del resto tanti altri Santuari. La richiesta è la stessa: invocano la Santa dei casi impossibili per la fine della pandemia Covid-19. Don Canzio Scarabottini, pro rettore del Santuario, e suor Stella Lepore, eremita che vive a Roccaporena, ascoltano tante storie di dolore e sofferenza, rispondono a quanti mettono per iscritto le loro angosce, facendo del Santuario quelle “Cliniche dello Spirito” di cui parla un documento della Congregazione per il clero del Vaticano del 2011.

Richieste di preghiera dall’Italia e da vari Paesi del mondo. Scrivono anche operatori sanitari, come l’altro giorno un’infermiera dal nord Italia, che ha inviato una mail in piena notte: “Sono una devotissima di Santa Rita. Una mia collega è positiva al Coronavirus. Pregate per noi, per il nostro servizio. Ho molta paura”. Molti le richieste di preghiere da vari Paesi del mondo via WhatsApp, come una ragazza dal Brasile: “Per la salute della mia famiglia e per la fine della Pandemia”. Sono giunte anche mail dall’Argentina, dalla Slovenia, dalla Francia, dagli Stati Uniti d’America e da molti altri Stati. La risposta del Santuario naturalmente è quella di affidarsi alla preghiera: “L’anima mia, dal dolore, si strugge in lacrime; rialzami secondo la tua parola” (Salmo 119). Ogni giorno don Canzio celebra la Messa a porte chiuse alle ore 8.30 e depone sull’altare del Signore tutte le intenzioni di preghiera dei devoti. Inoltre, sul sito www.roccaporena.com ci sono alcuni sussidi per la preghiera da poter fare in famiglia, come ad esempio “I quindici giovedì di Santa Rita”. Inoltre, nel ricordo di Santa Rita che nel Lazzaretto di Roccaporena accoglieva e curava i malati di peste e i poveri del suo tempo, non mancano i gesti di carità del Santuario, in collaborazione con la Caritas diocesana di Spoleto-Norcia, per quanti sono in difficoltà a causa della pandemia.

Messa di mons. Boccardo alla Scoglio di Roccaporena per chiedere la fine della Pandemia. Alcuni momenti di preghiera organizzati in questo tempo sono stati trasmessi in diretta sulla pagina Facebook del Santuario (Opera di Santa Rita). Come ad esempio la Messa celebrata dall’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo venerdì 3 aprile scorso in cima allo Scoglio. «Da questo luogo – ha detto il Presule – raggiungiamo tutti voi cari fratelli e sorelle devoti di Santa Rita. E non è senza emozione che oggi ci troviamo qui davanti a questo pietrone che ha accolto ed è testimone della preghiera, delle lacrime e delle suppliche di Santa Rita. A questa grande donna chiediamo un’intercessione particolare per il mondo: di essere liberati dalla piaga del Coronavirus che ci assale misteriosamente e continua a mietere vittime. Preghiamo per quanti devono affrontare questa pandemia: gli ammalati, i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari, i volontari delle diverse associazioni che stanno donando la loro vita per aiutare e sostenere i malati, quanti hanno perso la vita a causa del virus. Insieme con Rita ripetiamo: nell’angoscia ti invoco, salvami Signore. Tutti sperimentiamo – ha proseguito mons. Boccardo – questo sentimento di angoscia, tutti abbiamo paura del virus: noi che credevamo di avere il mondo in mano, che eravamo convinti di poter allontanare pure la morte, ora ci troviamo fragili, indifesi e incapaci di reagire. Dove andremo? Cosa ci sarà dopo? Con questi sentimenti, invochiamo il Signore affinché ci liberi dal male fisico (coronavirus) e morale (cattiveria, maldicenza). Lo facciamo dallo Scoglio, perché sappiamo che nei momenti difficili della sua vita Rita è salita qui per chiedere l’aiuto di Dio: quando il marito era violento con lei, quando poi è morto assassinato, quando ha vissuto la terribile esperienza della perdita dei figli, quando infine le monache del tempo non volevano accoglierla in monastero. Con Rita anche noi ripetiamo da questo Scoglio: nell’angoscia ti invochiamo, salvaci Signore».

E il venerdì Santo, 10 aprile prossimo alle ore 15.00, l’arcivescovo Boccardo, da solo, salirà nuovamente lo Scoglio di Roccaporena pregando la Via Crucis nel giorno della Passione di Cristo, chiedendo, tramite l’intercessione di Santa Rita, il coraggio di attraversare questa prova del Coronavirus. La Via Crucis sarà trasmessa in diretta Facebook nella pagina “Opera di Santa Rita”.

Perugia: La Caritas ringrazia i tanti benefattori della “Quaresima di Carità 2020” nel tempo del “Coronavirus”. Ricevuto in dono anche del pesce fresco

L’appello a vivere con maggiore generosità e solidarietà la “Quaresima di Carità 2020”, lanciato dal cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, è stato raccolto da tanti fedeli e uomini di buona volontà. «La nostra comunità diocesana, ma non solo, ha vissuto la Quaresima con molta sofferenza umana, spirituale e materiale per una pandemia che ha effetti devastanti anche a livello socio-economico ed occupazionale per molte famiglie, soprattutto per quelle che non hanno superato del tutto le difficoltà generate dalla recente crisi». A sottolinearlo è il direttore della Caritas diocesana, il diacono Giancarlo Pecetti, nel ricordare quanto quest’organismo pastorale si prodighi con le sue opere anche nel tempo del “Coronavirus” per aiutare le persone in gravi difficoltà.

Contributo Cei 8XMille. Sostegno che è possibile assicurare anche grazie al contributo economico della Cei, fondo 8XMille, a favore delle 220 Caritas diocesane attive su tutta la Penisola. La Caritas perugina, come è stato già annunciato dallo stesso cardinale Bassetti, ha messo a disposizione 50 alloggi (per almeno 30 giorni) della struttura ricettiva diocesana “Villa Sacro Cuore”, anche con il contributo di un privato benefattore, per operatori sanitari impegnati nella cura di pazienti affetti da “Covid-19”, affinché abbiano una sistemazione diversa dai propri domicili per tutelare se stessi i familiari conviventi.

Orate e bronzini in dono. Con l’approssimarsi della Pasqua il direttore Pecetti ringrazia i numerosi benefattori. «Mi ha molto colpito la generosità del titolare di una pescheria, che con tanto garbo e discrezione – commenta Pecetti –, ci ha portato una prima volta quattro cassette di orate e una seconda volta altrettante cassette di bronzini. In un momento di non poche privazioni, non può non farci riflettere il gesto compiuto, quello che qualcuno sia venuto in Caritas a portare perfino del pesce fresco in modo che anche i poveri possono mangiarlo». A beneficiare delle orate e dei bronzini sono state le quindici famiglie del “Villaggio della Carità” e le persone fruitrici dell’Emporio della Solidarietà “Tabgha” di Perugia.

La spesa per le famiglie.

«Per questo è doveroso ringraziare, all’inizio della Settimana Santa – prosegue Pecetti –, quanti mostrano la loro solidarietà e vicinanza verso i più deboli e per le donazioni economiche ricevute, da quelle più piccole a quelle più consistenti; quanti, andando a fare la spesa, hanno pensato di farne una anche per una famiglia sconosciuta e più bisognosa della propria». Inoltre, il direttore della Caritas ringrazia «le aziende e i fornitori abituali dei quattro Empori della Solidarietà attivi nel territorio diocesano, che quando hanno surplus in scadenza ci contattano subito. E grazie anche ai tanti titolari di esercizi commerciali che ci hanno aiutato con i più svariati prodotti alimentari (hamburger, yogurt, pesce fresco…)».

Il grazie dei beneficiari. Il grazie più sentito è venuto dagli stessi beneficiari, nel lasciare periodicamente al Centro di ascolto della Caritas diocesana attestati di stima e di riconoscenza per il bene ricevuto, comprendendo, come sottolinea il direttore Pecetti, che «nessuno si salva da solo». Infine un grazie sentito, insieme al suo auguro pasquale, il diacono Giancarlo lo riserva a «tutti gli operatori e volontari Caritas delle opere segno e delle strutture socio-caritative della Chiesa, che svolgono la loro attività per amore agli ultimi con dedizione e con spirito di servizio dimostrato anche in questo momento così difficile e di dura prova».

Assisi – Lettera di monsignor Sorrentino alla comunità diocesana alla vigilia della settimana Santa

“Una Pasqua vera al tempo del coronavirus”. È il titolo della lettera scritta dal vescovo della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino, monsignor Domenico Sorrentino e indirizzata ai fedeli, in questo periodo di sofferenza e fragilità. Una lettera per augurare una buona Pasqua di risurrezione, di famiglia e di futuro e per stare vicino alla comunità che vivrà questa solennità “unendosi” alle celebrazioni tramite le dirette streaming, a seguito delle restrizioni del Governo per evitare il contagio da Covid-19.

All’inizio della missiva il vescovo scrive che questa Pasqua verrà ricordata come la “Pasqua del coronavirus” e propone poi alcuni pensieri, approfondendo e riflettendo su: la Pasqua è Calvario, risurrezione, famiglia e futuro e su quello di celebrare con la vita.

Il vescovo infatti nella parte conclusiva della missiva, pone l’interrogativo su come vivremo questa singolare Pasqua 2020. “È ormai chiaro – scrive – che si continuerà a celebrare a porte chiuse, con i sacerdoti che porteranno tutti spiritualmente all’altare e gli altri fedeli che si uniranno dalle case, aiutandosi, come possono, con la televisione e i ‘social’. Approfittiamone per riportare nelle case più preghiera e più parola di Dio. Leggere una pagina di Vangelo al giorno non è un grande impegno, ma può darci tanto. Continuiamo a testimoniare solidarietà ai fratelli e alle sorelle che, più di noi, stanno sopportando il peso della prova. Quegli ammalati, quei morti ai quali va la nostra preghiera di suffragio, quelle famiglie devastate dal dolore, quelle fabbriche chiuse e gli operai destinati a un nuovo periodo di precarietà, quei medici, infermieri, volontari che si stanno prodigando e sono allo stremo delle forze, ci stiano nel cuore. Non ci sia una sola preghiera in cui li dimentichiamo. Vinciamo le tentazioni dell’egoismo, che già affiorano, e si faranno forse ancora più forti nello stadio della ripresa. L’amore sia il nostro ‘distintivo’: «Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri» (Gv 13,35). Buona Pasqua! Sia davvero, nel ‘deserto’, una Pasqua di risurrezione, di famiglia e di futuro”.

Lettera del vescovo monsignor Domenico Sorrentino

Terni – le celebrazioni della Settimana Santa nella Cattedrale. Mons. Piemontese: “La passione della nostra società e della Chiesa, provocata dalla epidemia più che mai diventa la passione di Cristo”. Le dirette Facebook e televisive

Con la celebrazione della Domenica delle Palme, che ricorda l’ingresso di Gesù a Gerusalemme, hanno inizio le liturgie pasquali della Settimana Santa, durante la quale si fa il memoriale della Passione, Morte e Risurrezione di Gesù.

Una Settimana Santa e una Pasqua 2020 segnate dalla pandemia da Covid-19 che ha causato migliaia di morti.

“ll mesto corteo di camion militari, che nel buio della notte, si dirigono verso i forni crematori – ricorda il vescovo Piemontese nella lettera inviata alla comunità cristiana – ha richiamato a tutti noi la tragica immagine dei militi ignoti, vittime della prima vera terza guerra mondiale, la prima globalizzata non dichiarata e senza eserciti nemici schierati. A questa comunità di fedeli defunti, in attesa della risurrezione, è stato riservato un silenzioso e frettoloso commiato, che si ripete, con numeri altrettanto elevati, su più fronti di lotta in varie parti del mondo, con un nemico invisibile, prodotto e conseguenza di civiltà dal progresso smisurato e senza norme e da un orgoglio che ha come sbocco il suicidio della società stessa. E intere comunità locali e virtuali piangiamo i nostri morti: genitori, nonni, fratelli e sorelle, senza distinzioni di appartenenze; onoriamo col ricordo e la preghiera tutti, specie gli eroi, medici, infermieri e operatori vari, vittime dell’adempimento del dovere”.

In questi giorni di isolamento e disagi, la Chiesa ricorda il senso profondo della fede, nel ritrovarsi come comunità unita, fraterna e solidale: “Nei giorni della Settimana Santa – prosegue il vescovo – saremo in condizione di comprendere nelle ferite inferte alla nostra carne, al nostro corpo, ai nostri affetti, alle nostre comunità, particolarmente preoccupate per il presente e per un futuro incerto, la vicinanza di Gesù. La passione della nostra società e della Chiesa, provocata dalla epidemia più che mai diventa la passione di Cristo, che vuole associarsi a noi come conviandante nel cammino di ripresa e di guarigione, dentro e fuori della città”.

Le celebrazioni della Settimana Santa, in periodo di pandemia da coronavirus, saranno celebrate senza la presenza dei fedeli nelle parrocchie e nelle cattedrali della diocesi.

Le celebrazioni nella Cattedrale di Terni saranno presiedute dal vescovo Piemontese a cominciare da domenica 5 aprile, domenica delle Palme, alle ore 10 (trasmessa in diretta televisiva da TeleTerni. Canale 15 del digitale terrestre)

Il Triduo pasquale: giovedì, venerdì e sabato celebrazione delle letture e delle Lodi alle ore 9.

– Giovedì 9 aprile alle ore 17 nella Cattedrale di Terni si terrà la celebrazione della messa in “Coena Domini” in cui si ricorderà l’istituzione dell’Eucaristia da parte di Gesù nell’ultima Cena (trasmessa da Telegalileo canale 115 digitale terrestre)
– Venerdì 10 aprile alle ore 17 nella Cattedrale di Terni il vescovo presiederà la celebrazione della Passione del Signore. (trasmessa da Telegalileo canale 115 digitale terrestre)
– Sabato 11 aprile alle ore 21 nella Cattedrale di Terni la Veglia Pasquale presieduta dal Vescovo nel corso della quale sarà benedetto il fuoco nuovo e l’acqua del fonte battesimale.

– Domenica 12 aprile, Pasqua di Resurrezione, il vescovo presiederà la celebrazione alle ore 10 nella Cattedrale di Terni (trasmessa in diretta televisiva da Teleterni canale 15 del digitale terrestre).

Tutte le celebrazioni della Settimana Santa nella cattedrale di Santa Maria Assunta a Terni saranno trasmesse in diretta sulla pagina Facebook della Diocesi di TerniNarniAmelia e sul canale Youtube della Diocesi TerniNarniAmelia.

Frati Assisi – la Pasqua ai tempi del Coronavirus – dirette streaming e numero verde per parlare con i Frati

E’ dedicato al coronavirus e alla ”inedita” Pasqua il numero di aprile della rivista San Francesco. Sul titolo della copertina, disegnata da Antonio Sullo, campeggia la scritta “Ce la faremo” e l’immagine del Santo di Assisi che senza paura porta l’Italia sulle spalle, “assaltata” dal Covid-19. Una miriade di uccelli, con tanto di mascherina protettiva, fanno da scudo attorno al Poverello, aiutandolo a sostenere la Nazione ferita.

Un mondo colpito dalla pandemia e che ha bisogno di vicinanza e sostegno. Proprio per questo i frati del Sacro Convento di Assisi hanno deciso di inviare gratuitamente a chi lo richiede tre numeri del mensile francescano; aumentare il numero delle dirette streaming di messe e preghiere su sito sanfrancesco.org; e infine di attivare un numero verde 800.333.733 per parlare direttamente con i frati.

Quella di quest’anno sarà una Pasqua diversa, amara e tragica, ma sarà comunque Pasqua. L’ottimismo deve vincere sulla paura e il dolore. L’Arcivescovo di Benevento, Monsignor Felice Accrocca, introduce il lettore alle celebrazioni pasquali con una esortazione molto chiara: «quelli attuali sono giorni difficili e in tantissimi non potranno prender parte dal vivo alle celebrazioni, ma Francesco ci insegna ad accogliere con serenità gli eventi, accettando anche il dolore.
Fare Pasqua vuol dire trasformare il dolore in amore, senza masticare rabbia e meditare vendette, perché così ha fatto il Signore; vuol dire saper gioire delle piccole cose, contentarsi di quel che si ha».

La situazione italiana e internazionale ai tempi del Coronavirus sono il fulcro attorno cui ruota questa edizione del mensile francescano. Il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, evidenzia nella sua riflessione, come questa pandemia abbia messo «a nudo tutta l’immaturità di un popolo. Il senso di responsabilità non è sufficientemente diffuso e la nostra leggerezza provoca danni enormi, talora irreversibili. Emergono egoismi e grettezze». Anche in questo caso è il Santo a venire in nostro soccorso, indicando una via da percorrere, una strada che ci condurrà verso un nuovo mo(n)do.

Il direttore della rivista, Padre Enzo Fortunato, nel suo editoriale si, e ci, interroga intorno alla parola opportunità «e se dovesse essere davvero una grande opportunità per l’umanità e per ognuno di noi? Si riscoprono affetti lontani e anche le telefonate terminano con un ti voglio bene. La solidarietà non è più una parola che dà fastidio. Vedere questa pandemia anche come un’opportunità per il futuro».

Per il sociologo Domenico De Masi, intervistato dalla nostra redazione, si tratta di un grande corso di formazione collettivo sia per i lavoratori con lo smart working sia per i fedeli con la telepreghiera perché «ognuno è solo con Dio in qualsiasi momento, alla preghiera corale si può supplire con momenti di raccoglimento individuale e il fedele può agire in nome di Dio con buone azioni rivolte ai più fragili e agli anziani».

Nello speciale dedicato al coronavirus anche le testimonianze del filosofo e psicologo, Umberto Galimberti che evidenzia la differenza tra paura e angoscia, per cui la seconda nasce dal fatto che non si conosce da «dove viene il pericolo e quindi si è sempre in uno stato di fibrillazione perenne»; e del cappellano del penitenziario “Due Palazzi” di Padova, don Marco Pozza, che parla della situazione carceraria italiana e ci ricorda che i detenuti sono ritenuti “lupi”. «A Gubbio il Santo ha compiuto due miracoli: prima ha addomesticato il lupo, poi ha bussato alle porte dei cittadini impauriti e ha detto ‘Credetemi, il lupo non fa più paura’».

Il mensile si conclude con un’intervista esclusiva a Padre Firas Lutfi sulla tragica guerra che sta colpendo la Siria e i tanti indifesi civili. Una guerra che ha raggiunto dimensioni di carattere globale e le vittime sono principalmente bambini come conferma il portavoce nazionale UNICEF, Andrea Iacomini: «soltanto nel 2018 sono stati uccisi 1.100 bambini nei combattimenti, nel 2019 quasi 900 con centinaia di migliaia i feriti».

LE INIZIATIVE DEI FRATI DI ASSISI

In questo periodo particolare per l’Italia e per il mondo intero i frati di Assisi hanno pensato di inviare tre numeri gratuiti della rivista San Francesco: basta inviare una mail a redazione@sanfrancesco.org o collegarsi al sito sanfrancesco.org. E’ possibile inoltre parlare con un frate chiamando il numero verde 800.333.733 dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.

Le messe nella Basilica di San Francesco via streaming sono sul sito sanfrancesco.org e sulla pagina Facebook “San Francesco d’Assisi”: dal lunedì al sabato alle 6.30 e alle 18.30; la domenica alle 7.15 e alle 18.00. Inoltre, sul sito sanfrancesco.org, è possibile collegarsi sempre, a qualsiasi orario, alla webcam della Tomba di San Francesco dove, tutti i giorni alle 12.30, viene recitata la preghiera dell’Angelus e dove è possibile lasciare una preghiera al Santo di Assisi.

Lettera di Mons. Cancian ai religiosi e religiose

Carissime sorelle e carissimi fratelli, vengo a dirvi che purtroppo il nostro incontro di Collevalenza fissato per sabato 9 maggio, come potete ben comprendere, è rinviato a data da concordare, forse in settembre/ottobre 2020.
Con affetto fraterno ci auguriamo una Pasqua tutta speciale, carica di intensa preghiera e di pieno coinvolgimento affettivo ed effettivo per tutto quello che possiamo fare in questo momento tragico del coronavirus. Credo che noi religiosi e religiose possiamo dare un notevole contributo come in passato l’hanno offerto I confratelli e le consorelle in tempi simili al nostro. La carità “ci spinga” come dice San Paolo a fare nostre le sofferenze di tantissime persone e ad alleviarle per quanto è nelle nostre forze. Grazie di cuore a tutte le persone religiose che con grande impegno stanno portando avanti l’accoglienza di anziani, il servizio dei malati e dei poveri, l’aiuto alle famiglie… Diamo esempio e prendiamo esempio da quelli che si stanno totalmente dedicando agli altri, pagando di persona e correndo anche il rischio della vita. Ci incoraggiamo a vicenda con la Parola di Dio di questi ultimi giorni di Quaresima, seguendo la grande testimonianza di papa Francesco (molto bella la sua preghiera di venerdì 27 marzo). Credo che avete letto e apprezzato la lettera molto bella rivolta alle claustrali dal vescovo monsignor Arturo Aiello. Condivido i sentimenti di stima e gratitudine da lui espressi per i religiosi e le religiose che continuano oggi la «evangelica testificatio» richiamando tutti all’essenziale.
Santa Pasqua! Supplichiamo con forza il Signore perché sia Pasqua di liberazione dalla terribile pandemia che sta seminando strage e tutto il mondo si converta all’unico vero Dio e alla fraternità universale.
Vi abbraccio e vi benedico

+ Domenico Cancian
delegato Ceu per la Vita Consacrata